Ciao benvenuto su skateboard.it
 
Login
Password
Login automatico:
Registrati
Dimenticato la password?
Testo:
  Notizie Store
Ultimi utenti registrati: MonicaraIgh, TechnologyWork, ThomasMubre, Gaia.bubola, SejebevWesk,
Yeeeah!!! handplant !!
Vedi l'intera di bisk8
Entra in MyGallery
Nuove Tecnologie: Dwindle Impact
03-11-2015 - news
di La Redazione
stampa
In quasi mezzo secolo, ossia da quell'impreciso momento in cui lo skateboard ha fatto la sua comparsa sul globo terrestre, le tavole si sono evolute non poco. Prendendo in considerazione l'intera storia dello skateboarding, le tavole cosidette "popsicle" che usiamo oggi, ossia quelle con nose e tail molto simili per dimensioni, sono comparse solo ad inizio anni 90.

Ma l'evoluzione delle tavole da skateboard non ne riguarda solo gli shape. Se infatti sugli shape e sulle misure sembrerebbe che il mercato si stia assestando sulle popsicle tra le 7.5" e le 8.5" di larghezza, la grande nuova sfida per i brand di skateboard deck è tutta incentrata sui materiali.



Lungi da dare per spacciato il classico 7-8 strati di acero canadese - che comunque rimane nonostante tutti i tentativi il legno migliore per costruire tavole da skateboard - è evidente come ormai tra bamboo ed altri materiali non sia più l'unica soluzione praticabile.

Fra tutti i grossi produttori di tavole, una delle aziende leader nella ricerca e nella sperimentazione di nuove tecnologie è Dwindle Distribution, che, per intenderci, è il produttore di Almost, Blind, Clichè, Darkstar, Enjoi e da qualche tempo anche Zero. (Dwindle produce le sue tavole presso DSM e se volete rifarvi il tour della fabbrica o vedere come nasce una tavola da skateboard, vi ricordiamo che c'è questo documentario)

Ormai sono anni che Dwindle investe nel progetto IMPACT, in una particolare combinazione fra acero canadese, fibra di carbonio e colle epossidiche.
I risultati sono stati da subito più che soddisfacenti, permettendo di immettere sul mercato una vasta gamma di tavole marchiate Impact. Queste tavole erano del tutto uguali a delle comuni tavole di acero canadese, se non fosse che l'ultimo strato, quello su cui montiamo i truck per intenderci, comparivano per la prima volta due dischi in fibra di carbonio proprio in prossimità delle basette dei truck. Una vera manna dal cielo per i gap-skater.

Nel 2010 poi, nel catalogo Almost hanno fatto la loro prima comparsa le Double Impact. Con le Double Impact la "dose" di carbonio "raddoppiava": il top layer infatti, (quello su cui si applica il grip) anzichè essere fatto di acero, diventava un intero strato in fibra di carbonio. Le Double Impact erano forse fra le tavole più resistenti mai costruite, ma purtroppo avevano un peccato originale: non riuscivano a dare quel feeling tipico dei 7 strati di acero a cui milioni di skateboarder si erano abituati.

Passano altri anni di sperimentazione con la supervisione dei team dei marchi Dwindle e grazie ai consigli di rider del calibro di Chris Haslam, Daewon Song e soci, si arriva alle tre categorie in commercio oggi: Impact Support, Impact Light ed Impact Plus.



Queste tre tipologie di tavole hanno tutti i pregi della costruzione che combina acero, carbonio e colle epossidiche, ma sono riuscite ad evitarne i difetti. 

Entriamo ora nel vivo delle tre tecnologie.


Impact Support

Impact Support è una tavola ad 8 strati di acero canadese tenuto assieme con colla epossidica e con la particolarità di avere due dischi di fibra di carbonio proprio nel punto di maggior stress della tavola: sopra i truck.





Impact Light

Impact Light è forse la tavola più leggera commerciata su larga scala: 7 strati di acero canadese ed un anima di fibra di carbonio intagliata ed incastonata nel top layer. Come per le altre Impact, la colla anche in questo caso è epossidica e non vinilica, per ridurne il peso e garantirne maggiore compattezza.










Impact Plus


Impact Plus infine è una delle tavole più resistenti in circolazione. Figlia delle vecchie Double Impact, questa tecnologia prevede una tavola da 8 strati di acero canadese incollati con colla epossidica. Nel top layer è presente un'anima di fibra di carbonio intagliata ed incastonata proprio come le Impact Light, mentre invece nello strato inferiore troviamo due dischi in carbonio nella zona di stress sopra i truck proprio come nelle Impact support.





Tutte queste tavole sono garantite da Dwindle per 45 giorni contro qualsiasi tipo di rottura non forzata. Hanno molto più pop e lo mantengono molto più a lungo grazie alla fibra di carbonio ed in generale, la "vita-media" della vostra tavola è considerevolmente più lunga.



Il tutto, stando a quello che dicono Haslam & co nel video qui sopra, ma anche stando alla nostra modesta esperienza, il tutto senza alterarne il normale feeling tipico delle 7/8 strati.

Hanno un prezzo che, va da se', è leggermente più alto della media, ma tenete presente che in media, una tavola dalla tecnologia Impact dura circa una volta e mezzo / due volte quello che vi dura una tavola normale.


Notizia precedente: Lugo Snake Park
Notizia succesiva: Domenico Murgolo halloween clip


- Dwindle european summer holiday tour
- Band and Skateboard Graphics: the ultimate gallery.
- Zero Skateboards nello Store
- Dallo Store: Welcome Skateboards & Blast! Skateboards Cruisers!
- Dallo Store: Blind Skateboards, Clichè Bearings, Dusters California Bearings & Pig Tools
- Addicted in pausa
- Palermo ha uno Skatepark
- Italian Skateboarding a Malmo
- Vans Wild Card Video contest
- Blast the Big One 2017
Testo: